Carles Sala, CEO Art Director – Bulldog Studio

24, ottobre 2022

"Il 90% del nostro fatturato è packaging"

Bulldog Studio è uno studio di progettazione grafica creativa, specializzato in packaging e branding e focalizzato sul consumo di massa, bevande e prodotti gourmet.

Perché sei diventato un designer?
Un po' per caso della vita, io sono di dicembre, sai che i bambini di fine anno che vanno più lenti a scuola, beh si, sono sempre stato al seguito. Non sono mai stato uno studente brillante.
Quando ho finito EGB non sapevo cosa fare e ho vagato tra architettura, belle arti e alla fine sono finito nella grafica pubblicitaria, dove ho trovato una sorta di stimolo e ho pensato che fosse divertente fare il designer.


Quando e perché è stato creato Bulldog Studio?
Nel dicembre 2007 ho iniziato come designer freelance con il nome di Bulldog Studio, nonostante l'azienda sia stata fondata poco dopo, quest'anno festeggiamo 15 anni e continuiamo!
Ho lavorato in una grande agenzia pubblicitaria, in un'agenzia di media, in una tipografia e anche come cliente (come art director). Ho visto che il mio lavoro poteva essere svolto in un altro modo, molto più creativo e meglio retribuito, e questo mi ha spinto a lavorare da solo.
La crescita dell'azienda è già qualcosa di inevitabile, cresci man mano che apri nuovi clienti e moduli la tua azienda e gli spazi per essa.


Sono specializzati in packaging e branding.
Cosa caratterizza il design del packaging?
All'inizio facevamo di tutto, un design a tutto tondo, ma ho sempre creduto nella specializzazione, quindi queste sono le aree con cui ci sentiamo più a nostro agio. Veniamo dal consumo di massa, quindi l'agilità nell'interpretare un briefing è massima e, grazie al nostro team e alla nostra esperienza, sappiamo trovare l'eccellenza nella stampa di tutto ciò che mostriamo sullo schermo.
Non credo che abbiamo un profilo o uno stile definito, è vero che ci piace lavorare con i volumi e le texture nei nostri modelli, ma penso che abbiamo un profilo elastico che si adatta alle esigenze di ogni cliente e brand.

Qual è la differenza tra lavorare per il settore dei beni di consumo, gourmet o farmaceutico?
Sono settori molto diversi sotto tutti gli aspetti, nella velocità delle esigenze, nei costi di stampa e anche nel modo di comunicare, sia con il consumatore che con il cliente.
GC è come la formula 1, per ora è tutto, nella produzione gourmet di solito sono aziende più piccole o a conduzione familiare, quindi l'assistenza clienti è fondamentale per fornire sicurezza nelle decisioni e, in farmacia, i progetti sono molto lunghi nel tempo e sono molto focalizzati sul raggiungimento di un determinato obiettivo.
Ogni settore è diverso, ma ne siamo tutti appassionati e ci muoviamo con naturalezza.


Quali misure state attuando a favore di un packaging più sostenibile?
Qui hai toccato la ferita! Cerchiamo sempre di essere sostenibili nella produzione, spieghiamo a tutti i clienti l'importanza di utilizzare carte FSC o riciclate al 100%, inchiostri vegetali, ecc. Ma il denaro è ciò che regola.
In tutti i nostri progetti cerchiamo di consigliare il cliente, dalla scelta delle bottiglie/flaconi leggeri (meno emissioni nel trasporto) alla pallettizzazione delle risorse.


Qual è la cosa più importante quando si progetta un'etichetta: tipografia, illustrazione...?
L'insieme, il concetto, la selezione tipografica, il colore, l'illustrazione e il suo dialogo.
Se hai proporzioni perfette ma hai tre occhi sarai “strano”, è trovare sempre l'equilibrio perfetto, quell'armonia che fa “lavorare” un'etichetta.


Raccontaci di due dei tuoi progetti.
In questo momento abbiamo in corso un progetto molto grande, da mesi collaboriamo con Félix Solis a un restyling completo di uno dei suoi marchi, Peñasol.
È un progetto molto difficile, tanti formati, tanti paesi e bisogna guardare tutto con una lente d'ingrandimento. Fortunatamente tutto sta andando alla perfezione e ci sentiamo molto a nostro agio con il progetto e con il cliente.
Un altro progetto interessante è stato quello che abbiamo pubblicato settimane fa, per una piccola azienda vinicola Ribeira Sacra, EDV. Una famiglia che non aveva mai "fatto marketing" e per loro abbiamo costruito l'intero portfolio.


Qual è secondo lei la situazione del settore del design in Spagna? Quali sono i problemi che stai affrontando? E i suoi successi?
Il design in Spagna non è apprezzato, lavori per clienti stranieri e ti senti apprezzato, loro ti ascoltano e ti pagano bene.
Penso che se un designer legge questo, penserà; ostriche che motivo hai. Qui le persone non ascoltano (per la maggior parte), ti danno un briefing ma finiscono per decidere il design.
Principali conquiste, che ci ascoltino, che si lascino consigliare (è per questo che ci pagano).


In che modo le nuove tecnologie influenzano il design?
La tecnologia con un buon uso fa sempre bene e si somma, a livello di studio non ci accorgiamo di questa tecnologia in eccesso, dato che siamo "off-line".


Tra i servizi che offri, quali sono i più richiesti? Il mondo digitale sta crescendo di più?
Il 90% del nostro fatturato è packaging, stiamo lavorando per crescere nel branding (che è un altro dei nostri punti di forza) e nei servizi di naming.
Come accennato in precedenza, posizionandoci qualche anno fa nel packaging e nel branding, il mercato ci adotta come tali, quindi pochissimi progetti digitali entrano. Non è che non li facciamo, ma sono residuali.


Puoi dirci a cosa stai lavorando attualmente?
Un paio di progetti di restyling della droga, diversi progetti di vino, un progetto super bello (che uscirà verso la fine dell'anno) di un vermouth per l'Italia e una collaborazione con un'azienda vinicola in Romania, un progetto a lungo termine con tanti brand coinvolti .
Visto in tre righe, sembra poco, ma questo, insieme alla quotidianità delle piccole cose dei clienti, è continuo e possa continuare per molti altri anni!

CONDIVIDERE

Potresti essere interessato a continuare a leggere ...

Una confezione allegra per una nuova gamma di Codorníu
Codorníu, una delle più antiche cantine tradizionali produttrici di spumante in Spagna, si impegna per un formato attuale e una formula frizzante con un basso contenuto di alcol e aromi naturali. Superst...
Requena Office sorprende con il packaging dei Panettoni Pavolucci
Requena Office riposiziona la tradizionale visione del panettone in un prodotto classico ma originale, artigianale ma contemporaneo. Hanno ottimizzato aromi e ingredienti in un'unica confezione funzionale senza la necessità...
Luis Utrillas progetta il packaging e il marchio per la birra Siesta
Siesta Brewing Co è un nuovo microbirrificio spagnolo situato a Burgos. Sono birrai appassionati, ribelli insoliti e amanti della birra artigianale che sanno e amano quello che fanno. C ...
Un vermouth dal packaging sensoriale
Pep Bernat Vizcaya e Ainhoa ​​​​Nicolau Salas hanno disegnato il contenitore per il vermouth Turmeon (Bodegas Jaime). Il sistema di colori vintage, combinato con un intricato abbinamento tipografico, crea un design...
U Chocolate, la purezza e l'esuberanza dell'Amazzonia in un'oncia
Con il packaging di U Chocolate, l'idea era quella di portare a casa del consumatore una porzione dell'ambiente naturale in cui viene coltivato: il Perù amazzonico, oltre ai valori della sostenibilità, com...
Lo studio Maba progetta la gamma di torte Reina
Il design della gamma di torte Reina cerca di elevare la qualità della confezione per adattarla al contenuto, un dolce adulto, untuoso e appetitoso per ogni giorno. Questo progetto di studio Maba mira a ...
      
Grafica Leca
MPO Internazionale
BI INDUSTRIALE
PAPTIC Oi
floscio
Plastics Juárez
Metalicoplastico, SA
Costertec, SA
Adequo
LIASA L'industria del cotone
Tecnologia dei monomeri
Ramón Clemente, SA
Traduci »