Graphispag chiude il tour degli incontri di settore

9, marzo 2015

Dopo otto mesi di viaggio, 9.420 km percorsi, sette città visitate e quasi un centinaio di partecipanti, Graphispag 2015 ha chiuso il suo tour di incontri settoriali a Barcellona con la consapevolezza che l'industria della stampa affronta il 2015 con migliori prospettive e con la voglia di riposizionarsi in un nuovo mercato, che ha vissuto “uno tsunami settoriale” che ne ha trasformato il modello di business.

Organizzato in collaborazione con i Gremi d'Indústries Gràfiques de Catalunya, questo ultimo dibattito settoriale di Graphispag ha messo in luce le enormi aspettative che la fiera ha suscitato tra gli imprenditori grafici e la necessità forzata di trovare spazi per lo scambio di idee, opinioni ed esperienze. All'inizio dell'evento, il direttore di Graphispag, Aleix Planas, ha presentato l'offerta ei contenuti di questa imminente edizione che si svolgerà dal 24 al 27 marzo.
Il segretario generale dei Gremi d'Indústries Gràfiques de Catalunya, Ricard Sànchez, ha sottolineato il fatto che, per la prima volta in questi anni di crisi, un numero maggiore di aziende è ottimista sulle previsioni economiche. Il presidente emerito di Graphispag, Miquel Heredia, ha corroborato questo punto e ha assicurato che il credito sta già cominciando a fluire, ma che è più facile accedervi per ottenere liquidità che per fare investimenti. Nel frattempo, l'amministratore delegato di EGM Laboratoris Color, Enric Galve, era convinto che la ripresa fosse iniziata visto che a fine 2014 c'era già un leggero miglioramento in termini di ordini.
Da parte sua, anche l'amministratore delegato di Comart, Ernest Ginjaume, è stato ottimista e ha sottolineato che il cliente ora inserisce ordini più piccoli e più urgenti, mentre è aumentato il consumo di cartone tra le aziende esportatrici. Il direttore di Cartonajes Ribas, David Castel, lo ha confermato e ha sottolineato la difficoltà di recuperare i margini degli anni precedenti la crisi. Anche il manager di Samagraf, Rafael Pardo, ha previsto un 2015 migliore, soprattutto se la banca ha aiutato con il credito e le tipografie hanno smesso di competere abbassando i prezzi. Il manager di Impremta Orriols, Jacint Orriols, ha spiegato i buoni risultati ottenuti lo scorso anno dalla sua azienda e l'incremento degli ordini che hanno apprezzato. Tuttavia, da Encuadernaciones Bardenas, Javier Cortés, non è d'accordo con i segnali di miglioramento.
Il segretario generale dell'Associazione Graphispack, Ignasi Cusí, ha parlato della difficoltà di limitare l'attività dell'industria grafica quando la stampa è già intersettoriale. Nel frattempo, per il direttore di Cayfosa, Paco Mancebo, la trasversalità delle arti grafiche e la diversità delle specialità fanno sì che la reale importanza del settore non venga riconosciuta. Allo stesso modo, il direttore di Plastificados GPM, Francesc Giménez, ha rivendicato il valore del lavoro quotidiano svolto dalle aziende grafiche. Il manager di Bramona Serveis Gràfics, Albert Bramona, ha incoraggiato gli imprenditori grafici ad ascoltare le nuove generazioni per intuire come sarà il futuro e per offrire al cliente innovazione e prodotti a valore aggiunto che smantellano la trattativa basata esclusivamente sul prezzo.
Analogamente, la Il consulente di Podium, Eugènia Àlvarez, ha difeso il maggiore impatto del prodotto stampato se combinato con campagne su altri canali e che il crossmedia può essere un'opportunità di crescita. Il direttore della divisione Large Format di Epson Ibérica, Óscar Visuña, ha dettagliato la responsabilità dei fornitori di spiegare e mostrare le applicazioni della tecnologia ma, soprattutto, di accompagnare il cliente nello sviluppo del proprio modello di business. Allo stesso modo, il direttore dello sviluppo aziendale presso Roland DG Iberia, Encarna Luque, ha ritenuto che l'impegno di Graphispag per mostrare applicazioni grafiche possa ispirare attività complementari per le aziende grafiche.

Il vicepresidente dei Gremi d'Indústries Gràfiques de Catalunya, Joan Nogués, ha difeso l'importante ruolo delle fiere e ha incoraggiato ad approfittare di Graphispag per affrontare il futuro. Con la stessa opinione, il direttore di PrintMakers, Fermí Estivill, ha fatto riferimento al cambio di mentalità forzato nel settore. Infine, Ricard Sànchez, ha disegnato lo scenario come conseguenza dello “tsunami di trasformazione settoriale”, aggravato dalla crisi economica.

CONDIVIDERE

Potresti essere interessato a continuare a leggere ...

      
PCM-Packaging Color Manufacturing, SL
Tesem
Zschiuma
Plastics Juárez
BI INDUSTRIALE
Costertec, SA
We Are Aktivist, SL
PAPTIC Oy
RISOLVERE CG
Tecnologia dei monomeri
Sampling Innovations Europe, SL
Rafesa
Traduci »

X