NeoPS, la bioplastica che si ribella al petrolio

15, ottobre 2019

Knauf Industries ha lanciato NeoPS con l'obiettivo di promuovere il suo approccio ecosostenibile, una materia prima adatta al contatto con gli alimenti, prodotta da risorse rinnovabili e biomasse vegetali.

Questo packaging permette di fare a meno di materie prime fossili di origine petrolchimica. NeoPS si ottiene attraverso un processo chimico per estrarre lo stirene da una biomassa vegetale composta da residui vegetali, come rami e foglie, e residui di soia, mais, grano o cereali. Non utilizza piantagioni agricole per la sua preparazione.

Come il tradizionale polistirolo espanso (noto anche come EPS o Airpop), NeoPS è composto solo dal 2% di polimeri, ma questa volta sono di origine vegetale. Eliminando le risorse fossili, la sua impronta di carbonio è molto inferiore a quella dell'EPS convenzionale. Inoltre questa bioplastica mantiene le stesse prestazioni dell'Airpop: il nuovo materiale è costituito per il 98% da aria e, quindi, è leggero, isolante, con elevata capacità di assorbimento degli urti e con resistenza meccanica.

CONDIVIDERE

Potresti essere interessato a continuare a leggere ...

      
Ramón Clemente, SA
Winter Company Spagna
Zschiuma
We Are Aktivist, SL
Sampling Innovations Europe, SL
Metalicoplastico, SA
PAPTIC Oi
MPO Internazionale
PCM-Packaging Color Manufacturing, SL
LIASA L'industria del cotone
Grafica Leca
BI INDUSTRIALE
Traduci »