XV Premio Nazionale dell'Imballaggio

10 giugno 2024

Premi nazionali per l'imballaggio

Contenitori per alimenti che diventano tovaglie, yogurt con confettini che fungono anche da gioco per i più piccoli o contenitori che conservano la birra fino a 72 ore dopo l'apertura. Questi sono alcuni dei progetti vincitori del XV Premio Nazionale per il Design e la Sostenibilità del Packaging, che si distinguono per la loro creatività e soprattutto per avere una funzionalità che va oltre la propria di contenitore di prodotto, facendo tendenza di quello che sarà il nuovo “packaging dell’Economia Circolare”.

Più di 1000 studenti registrato de 33 centri di design, università e scuole hanno presentato più di 250 progetti nei premi promossi dall' Cluster of Innovation in Container and Packaging. Questa edizione, che ha ottenuto un record di partecipazione, ha contato sulle aziende sfidanti Estrella GaliziaALDIlogifruttoRNLCibo BoltonDocumento Internazionale y in forma.

così Jesus Perez, direttore del Cluster, as Amaya Fernandez, il suo presidente, hanno sottolineato che tutti i progetti presentati dimostrano lo straordinario talento e la creatività dei giovani, evidenziando la loro capacità di adattarsi alle nuove normative e di convertire idee innovative in eccezionali progetti di economia circolare nel packaging.

Le università vincitrici dei primi premi sono state Università di Valladolid, con due premi, oltre al Università Politecnica di Madrid, la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Deusto, la Universitat Jaume I di Castellon, il Escola d'Art i Superior de Disseny de les Illes Balears, la Scuola d'Arte e Design di Alicante y Università Politecnica di Valencia.

Questi premi sono supportati da Gruppo di imballaggio Hinojosa e il centro tecnologico ITENE, e con l'importante supporto di Sacmi y Grabalfa, nonché con la collaborazione di Caixa Popular, Siegwerk, Innotech Coexpan ed Emsur, Gruppo La Plana, Limitronic, Alpesa-Upalet y ESIC Business & Marketing School. Sono inoltre finanziati dall' Dipartimento di Innovazione, Industria, Commercio e Turismo della Generalitat Valenciana.

Prodotto tradizionale pensato per il futuro

Primo, Estrella Galizia si è proposta di sviluppare un contenitore sostenibile e funzionale per lo stoccaggio e il consumo della birra di cantina senza comprometterne la qualità. In questo modo viene mantenuta la capacità di ritenzione del gas nella bottiglia e l'esperienza del consumatore migliora potendo portare a casa birra appena prodotta, senza additivi o conservanti.

I vincitori sono stati Alejandro Torres, Raúl Antonio Cantillo e Álvaro Gimeno dell'Universitat Jaume I, con un progetto in cui hanno presentato una collezione di formati riutilizzabili composta da tre contenitori isotermici forgiati dalla tradizione e pensati per il futuro. I contenitori conservano la birra fino a 72 ore dopo l'apertura. Inoltre, hanno un sistema di isolamento sottovuoto a doppia parete e sono realizzati in vetro borosilicato, che permette loro di essere resistenti e completamente riciclabili.

Nel frattempo, il progetto “Frescura Gallega” di Daniel Roa, Hugo Lleras e Paula Hernández dell'Università di Valladolid ha ottenuto il Secondo Premio in questa categoria; e Noemi Abarca, Juan Gil, Lucía Andújar e Pilar Morillo dell'Università Politecnica di Madrid.

Yogurt sostenibili che si trasformano in giocattoli

Da parte sua, la sfida di ALDI è stata quella di ridisegnare il packaging primario e secondario dello yogurt con granelli di cioccolato, che è uno dei suoi prodotti più venduti, oltre a trovare una soluzione alla presentazione dei granelli. Il primo premio in questa sfida è stato per il progetto Ana Amigo, Clara Díaz, Raquel Aguiriano e Marta Decimavilla dell'Università di Valladolid.

Con un nuovo contenitore per lo yogurt realizzato con materiali riciclati poco costosi e con un'etichetta in cartone biodegradabile e riciclabile, gli studenti hanno convinto la catena di supermercati, che non solo ha cercato di ottimizzareimballaggio, ma migliora anche l'esperienza di acquisto. Una delle caratteristiche innovative è che il contenitore sviluppato incorpora un cucchiaio in modo che possa essere consumato ovunque e possa poi essere assemblato in modo che i bambini possano giocarci. Allo stesso modo, hanno migliorato l'attuale vassoio espositivo, ottimizzando al massimo lo spazio.

Da parte sua, l'opera “MIX-LO” di Cristina Dacosta del Liceo Artistico León Ortega; e Sara Xian Fernández, Esteban Jorge Gil, Ga Young Moon e Inés Portilla del Politecnico di Madrid hanno ottenuto il Secondo Premio in questa categoria.

Contenitori multiformato per prodotti farmaceutici

La sfida di logifrutto si è concentrata sulla progettazione di un contenitore multi-size, ovvero con dimensione regolabile a seconda delle necessità, che si adatta a qualsiasi tipologia di prodotto drugstore. In questo caso, Carola Dobón e Lucía Martín della Scuola d'Arte e di Educazione Superiore di Alicante Sono stati i vincitori.

Il progetto vincitore incorpora delle guide che permettono di modificare l'estensione della scatola riciclabile, il che rende possibili due formati: uno grande per prodotti voluminosi e altri piccoli per dimensioni più piccole. Per realizzarlo hanno applicato il sistema di piegatura e impilamento per facilitare il trasporto e la pulizia a cui sono sottoposti i prodotti.

Inoltre, i progetti “RAILBOX” di Adrián de la Fuente, Paula González, Marta Sánchez e Ana Gallego dell'Università di Valladolid hanno ottenuto il Secondo Premio in questa categoria; e “LOGIFLEX” di Ana María De Juan, Beatriz Tey, María de las Nieves Pizarro e José Alberto Ruiz dell'Università di Cadice.

Fragranza ideale per la generazione Z

Nel frattempo, RNL ha sfidato i partecipanti a creare una linea di profumi che dovesse comprendere sia un formato piccolo da portare ovunque, sia un formato di consumo standard. In questa sfida, il progetto che ha vinto il primo posto è stato “Tipo Z” di Sara Fernández, Pablo González e María Jiménez dell'Universitat Politècnica de València e dell'Università di Valladolid.

Una colonia verde brillante con un buon profumo che riflette la personalità “entusiasta” dei giovani. Il progetto vincitore di questa sfida, “Tipo Z”, prevede due categorie di bottiglie: una da 50 millilitri e un'altra più piccola che può essere riempita dal contenitore principale. Questa possibilità di ricarica prolunga la vita utile del prodotto, rendendolo una fragranza sostenibile ed ecologica.

I progetti “REELIVE” di Cristina Campos e Marian Lobo dell'Università Politecnica di Valencia hanno ottenuto il secondo posto in questa sfida; e “PLAY_” di Paulina Kulyk, Carla Gutiérrez e Clàudia Faure della Scuola ELISAVA di Design e Ingegneria di Barcellona.

Contenitore e tovaglia allo stesso tempo

inoltre, Bolton Food, che annovera tra i suoi marchi i prodotti in scatola Isabel, ha proposto la sfida di progettare a imballaggio per questa tipologia di prodotto che, oltre a garantire la sicurezza alimentare, è anche riciclabile o biodegradabile. Sono stati vincitori in questa sfida Lian Xiaolei del Pino, Bingxue Huang, Nicola Kowalczyk e María Zamarro dell'Università Politecnica di Madrid (UPM).

Partendo dal prodotto “ENSALADÍSSIMA ISABEL”, il gruppo UPM ha creato un imballaggio sostenibile utilizzando cartone, alluminio riciclabile al 100% e altri materiali biodegradabili. Questo contenitore ha un design ergonomico per un facile trasporto e può anche essere aperto, fungendo da tovaglia con scomparti per depositare temporaneamente i rifiuti fino al termine del pasto. Quindi, anche se la popolazione non ha tempo per cucinare e ricorre a piatti pronti o con una preparazione minima, può essere sostenibile al 100%.

Allo stesso modo, hanno ottenuto un secondo premio in questa sfida “Sempre bene… con Isabel” di Irene Rando, Julia García e Sofía Hernández dell'Universitat Politècnica de València; e Marina Fabra, Cristina García, María Peris e Julia Rodrigo dell'Università Politecnica di Valencia.

Spazio ottimizzato con scatole pieghevoli

anche Documento Internazionale ha sfidato gli studenti a trovare a imballaggio ciò consentirebbe la sostituzione degli imballaggi in plastica per la consegna a domicilio degli ordini durante la spesa nei supermercati e nelle catene logistiche come Mercadona, Amazon Fresh o Carrefour. Il primo premio di questa sfida è andato a “Plega't” di Bernat Juan, Ramón Cerdà e Laura Mantolan della Escola d'Art i Superior de Disseny de les Illes Balears (EASDIB).

Nello specifico, gli studenti di EASDIB hanno sviluppato una scatola pieghevole istantaneamente che riduce del 90% il volume occupato dalla scatola aperta. È facile da impilare, quindi non è necessario utilizzare adesivi per tenere insieme i lati della scatola. Si monta solo seguendo le pieghe e incastrando le alette, senza l'utilizzo di attrezzi aggiuntivi.

In questa sfida hanno ottenuto il secondo premio “FoldBox_delivery” di Gerardo Artal, Daniel Baya, Adrián Almoyna e Gerardo Cambra dell'Università di Saragozza; e “FETTRO-PACK” di Nuria María Téllez della Scuola di Arte e Design di Segovia.

Imballaggio durevole e riciclabile

Infine, in forma ha proposto di progettare packaging per il settore industriale pieghevole, ergonomico e personalizzabile per poter essere riutilizzato. È stato inoltre richiesto che avesse la capacità di contenere i materiali da spedire affinché arrivassero a destinazione in perfette condizioni. Il primo posto in questa sfida è stato raggiunto Maitane Urcullu della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Deusto.

In questa direzione Urcullu ha sviluppato un design del packaging che ottimizza la filiera, garantendo salute e sicurezza sul lavoro per gli operatori e riunisce tutte le caratteristiche più richieste dalle aziende del settore industriale. Altro aspetto fondamentale è che le materie prime per l’imballaggio provengono da fonti rinnovabili e materiali riciclati, e ogni sua parte può essere sostituita quando si deteriora e, quindi, allungare la vita utile del prodotto, senza scartare parti prematuramente.

In questa sfida hanno anche ottenuto un secondo premio per “RAIL FOLDING” di Marcos Muñoz, Mónica Lara, Nicolás Vázquez e David Silva dell'Università di Valladolid; e Leire Amorena, Miguel Rodríguez e Marina Espitia dell'Università di Saragozza.

Premio Cantera Cluster Plan

Allo stesso modo, in questo gala, per un altro anno ancora il Premio Cantera Cluster Plan per il quale uno degli studenti partecipanti ha vinto una borsa di studio del Packaging Cluster per studiare il Master in Management [MBM] tenuto da ESIC Business & Marketing School. Una borsa di studio del valore di € 21.200 il cui vincitore è stato María Peribáñez, dell'Università Politecnica di Valencia.

Da parte loro, i vincitori e finalisti di questi premi accedono direttamente alla finale della categoria riservata ai giovani dei Liderpack Awards, organizzati dall'Associazione Graphispack e dallo spettacolo Hispack alla Fira de Barcelona.

Parallelamente, tra i progetti presentati, i rappresentanti spagnoli verranno scelti ai WorldStar Student Awards, i più importanti premi di packaging al mondo destinati agli studenti delle università e delle scuole di design.

Premi nazionali per l'imballaggio
Premi nazionali per l'imballaggio

Puoi controllare i vincitori dell'edizione precedente qui.

Potresti essere interessato a continuare a leggere ...

Metsä Spring e Valmet collaborano per sviluppare un nuovo prodotto a base di legno

La società di innovazione del gruppo Metsä, Metsä Spring, e Valmet, hanno avviato un progetto congiunto per sviluppare un nuovo prodotto 3D a base di legno per sostituire prodotti simili realizzati da ...

Premi Dieline 2024 per i migliori design di packaging

I Dieline Awards, giunti alla quindicesima edizione, sono uno dei più grandi concorsi di design di packaging al mondo. Sponsorizzato da Designalytics e presentato da Luxe Pack, il...

Premio Miglior Innovazione 2021 per Virospack

Espositore abituale alle fiere Make Up di Parigi e Los Angeles, nonché al Luxe Pack New York e Monaco, tra gli altri, Virospack ha partecipato anche quest'anno al Make Up di Shanghai, che ha riconosciuto ...

Vincitori dei PCD Innovation Awards

I PCD Innovation Awards danno il tono alla giornata di apertura della Paris Packaging Week 2024, per premiare il packaging tecnicamente più innovativo e bello nei settori dei profumi, dei cosmetici, della cura personale...

Una bottiglia di Stoelzle, premiata dalla Fragrance Foundation

La bottiglia Aimez-moi Comme Je Suis di Parfums Caron è stata premiata come vincitrice nella categoria Best Perfume Bottle for Men ai Fragrance Foundation Awards da una giuria di ...

La gamma di caffè vegani Nescafé Dolce Gusto, Prodotto dell'anno 2022

La gamma 100% vegan dei caffè Nescafé Dolce Gusto è stata scelta "Prodotto dell'anno 2022", nella categoria capsule caffè del Gran Premio per l'Innovazione assegnato ogni anno dal co ...
Traduci »