La startup di materiali compostabili Pack2Earth chiude il suo round di pre-seed da 1 milione di euro

27 di febbraio 2024

materiali compostabili

La startup spagnola di materiali compostabili Pack2Earth, nata con l’obiettivo di sostituire la plastica inquinante reinventando materiali per confezionare alimenti e altri prodotti in modo più sostenibile per il pianeta, ha chiuso il suo primo round di pre-seed da 1 milione di euro. L'operazione è stata guidata da JRV Holding GmbH, family office tedesco focalizzato sulle startup in fase iniziale e di crescita. Vi hanno partecipato anche la società americana Mondelez International, una delle 10 più grandi aziende al mondo nel settore alimentare (attraverso la sua piattaforma di investimento ad impatto Sustainable Futures) The Food Tech Lab, fondo specializzato nel settore agroalimentare, gruppo da investitori della rete di business angel Esade Alumni, Esade BAN; e il family office Brigantia Capital Investment, tra gli altri.

“Per noi è essenziale che i nostri investitori condividano la nostra visione di contribuire al miglioramento dell’ambiente e che siano disposti ad aiutarci in questa missione con le loro conoscenze e contatti, sia nel settore alimentare che in altri settori chiave come il cibo per animali domestici , orticoltura o prodotti elettronici. Cioè, per questo primo round abbiamo cercato sia 'impact money' che 'smart money'", dice. Françoise de Valera, cofondatrice e CEO di Pack2Earth.

Françoise de Valera e Glenn Du Pree Hanno creato l'azienda nel 2022 a Barcellona. Sono due appassionati di trail running e di escursioni a lunga distanza che, inorriditi dalla quantità di imballaggi in plastica di prodotti alimentari che hanno visto abbandonati durante le loro fughe, hanno deciso di sviluppare nuovi materiali sostenibili che non danneggino l'ambiente. Attualmente sono già in fase avanzata di lavorazione due brevetti PCT per i primi materiali biobased, realizzati con materiali di origine vegetale e minerale, compostabili a temperatura ambiente, adatti al confezionamento di prodotti secchi (come caffè solubile), semiliquidi (come miele) o liquidi a lunga conservazione (da 6 a 12 mesi circa), a seconda del prodotto).

“Il 91% della plastica nel mondo non viene riciclata e il 9% che lo viene rilascia circa il 13% di microplastiche nel processo, oltre a richiedere, nella maggior parte dei casi, l’aggiunta di plastica vergine”. mantenere le sue proprietà. Come se ciò non bastasse, molte plastiche comuni contengono sostanze nocive per la salute umana come ftalati, BPA o antimonio. I nostri materiali, quando finiscono il loro ciclo di vita, l'ideale è smaltirli nel contenitore dei rifiuti organici marroni, ma se finiscono dove non devono finire, ad esempio in discarica, diventeranno comunque tossici- compost gratuito e microplastiche dove possono crescere nuove piante”, spiega Françoise de Valera.

Il team di ricerca e sviluppo dell'azienda ha sviluppato due diversi materiali che sigillano insieme; un film flessibile e un materiale per stampaggio a iniezione, adatti alla realizzazione di contenitori di vario formato (bustine, vaschette con coperchio flessibile, buste, ecc.) e di articoli lavorati a stampo (bicchieri, particolari di apparecchiature elettroniche, ecc.). Attualmente sta realizzando progetti pilota con circa 25 aziende, molte delle quali del settore alimentare, come il gruppo Vicky Foods (proprietario dei marchi Dulcesol, Horno Hermanos Juan e Be Plus) attraverso il programma KMZERO, o Angulas Aguinaga, o i marchi di alimenti per animali Platinum o Dingonatura.

Il capitale ottenuto con questo primo round di finanziamento consentirà all'azienda di accelerare i progressi di questi progetti pilota (alcuni di essi sono in fase di sviluppo e altri in fase di prevendita), iniziare a concedere in licenza i propri materiali e continuare a proteggere la proprietà intellettuale. Ed entro la fine dell'anno spera di raccogliere un altro milione di euro per iniziare a incrementare il fatturato, ampliare l'offerta, accedere ad altri mercati come gli Stati Uniti e rafforzare il proprio team, attualmente composto da otto persone.

Foto: Françoise de Valera e Glenn Du Pree, co-fondatori di Pack2Eart.

Potresti essere interessato a continuare a leggere ...

Aimplas sviluppa scatole di plastica compostabili per bottiglie di vino da resti di vite

Con una visione di economia circolare, il progetto RASPONS cerca di valorizzare questi sottoprodotti all'interno del settore enologico stesso, ottenendo scatole di plastica compostabili simili al cartone per le bottiglie...

Eviosys, Grown.Bio e Verescence uniscono le forze per creare un packaging cosmetico riciclabile al 100%

Tre produttori leader nel settore dell'imballaggio, Eviosys, Grown.Bio e Verescence, si sono uniti per innovare una confezione regalo cosmetica riciclabile e riutilizzabile al 100%. Il kit di riparazione...

Il marchio i + m sceglie Sulapac® Nordic Collection di Quadpack

Il marchio tedesco di cosmetici naturali i + m ha lanciato la crema deodorante alla rosa della sua linea We Reduce !, in un contenitore da 30 ml innovativo e sostenibile della collezione Sulapac® Nordic di Quadpack. ...

Veritas incorpora vassoi in pasta di legno

Veritas, la catena di supermercati leader nella distribuzione di prodotti biologici in Spagna, incorpora vassoi in polpa di cellulosa di legno nella sezione cibo pronto del C ...

Sulapac® Nordic Collection si amplia con i vasetti per le formule a base d'acqua

Sulapac® Nordic Collection amplia la sua gamma con un vasetto da 50 ml pensato per le formule a base d'acqua. Questa gamma, introdotta sul mercato da Quadpack nell'agosto 2020, è composta da vasi da 15 ...

Il Gruppo Alzamora avanza con l'obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra di 2...

Il Gruppo Alzamora continua a compiere progressi nel raggiungimento del suo principale obiettivo sostenibile: ridurre le emissioni di gas serra fino al 5% nel 2023. Obiettivo stabilito nel Piano di...
Traduci »