Jimena Mercedes Barca, responsabile della sostenibilità per Bimbo EMEA

18 ottobre 2023

«Bimbo ha creato nuove categorie che hanno dato energia al mercato grazie a un approccio incentrato sul consumatore»

Le origini di Bimbo sono in Messico, dove ha iniziato la sua attività nel 1945. Bimbo Iberia ha iniziato il suo viaggio nel 1965, anno in cui è arrivato sul mercato il primo pane a fette. Nel 1966 nasce Bony®, uno dei suoi cupcake più iconici, insieme a Tigretón, Bucanero e Pantera Rosa. I lanci continuano, con tutte le varietà di pane a fette, e attualmente Bimbo è presente in 34 paesi di quattro continenti.

Attualmente Bimbo è leader nella panetteria, pasticceria e pasticceria di marca. Qual è il vostro posizionamento in Spagna?
Bimbo Iberia è un'azienda alimentare multimarca composta da oltre 5.000 dipendenti il ​​cui scopo è nutrire un mondo migliore. Nel corso dei suoi 57 anni di storia in Spagna e più di 75 a livello globale, Bimbo ha optato per la qualità e l'innovazione per portare i migliori prodotti nelle case spagnole.
Bimbo ha un'ampia presenza nazionale in Spagna, producendo e distribuendo più di 100 prodotti leader nelle categorie di pane, pasticceria dolce e salata e snack salati attraverso i suoi marchi Bimbo®, Silueta®, Oroweat®, The Rustik Bakery®, Donuts®. , Donettes®, Bollycao®, La Bella Easo®, Weikis®, ¡Qé!®, Dokyo®, Eidetesa®, Rapiditas® e Takis®.


Quanti marchi hanno nel nostro Paese? Quali sono le referenze più vendute?
Senza perdere le sue origini panificate e grazie al suo spirito innovativo, Bimbo oggi conta più di 20 marchi e più di 100 prodotti che forniscono soluzioni affidabili per diversi momenti di consumo, sia per la vita di tutti i giorni che per i momenti speciali. All'interno delle nostre categorie pane, pasticceria, snack dolci e salati e salati, le referenze più vendute sono Donuts, Panini sandwich con e senza crosta, Donettes e Takis.


Bimbo è un marchio con più di cinquant'anni di storia. Quali pensi siano le chiavi del tuo successo?
Nel corso dei suoi oltre 50 anni di storia in Spagna, Bimbo ha introdotto sul mercato numerose novità che hanno fatto tendenza e raggiungono ogni giorno milioni di case. Il suo scopo è nutrire un mondo migliore e la sua ricetta per realizzarlo è la somma di esperienza, innovazione, qualità e talento.
Bimbo ha rivoluzionato gli scaffali di pane, pasticceria dolce e salata e snack, creando nuove categorie e prodotti a valore aggiunto che hanno dato una spinta significativa al mercato, grazie ad un approccio incentrato sul consumatore e al suo impegno strategico per l'innovazione come asse trasversale dell'azienda , dalla selezione degli ingredienti e del processo produttivo, alla distribuzione e commercializzazione.
In breve, Bimbo è un'azienda esperta nello sviluppo di soluzioni alimentari e i suoi marchi si caratterizzano per la capacità di adattarsi costantemente alle tendenze, ai gusti e alle esigenze dei consumatori su 3 assi principali: salute, sostenibilità e piacere.


All'inizio, il Pan Bimbo era una novità a Città del Messico perché era avvolto nel cellophane. Come si è evoluto il vostro packaging nel corso degli anni?
Il cellophane trasparente era una novità, pratico ed igienico, a differenza della carta cerata che si usava all'epoca. Da allora, Grupo Bimbo ha continuato a concentrarsi sull'utilizzo dei materiali di imballaggio tecnologicamente più avanzati, ricercando il minimo impatto ambientale, che nel corso degli anni ci ha permesso di ridurre il più possibile i calibri dei sacchetti e di utilizzare materiali completamente riciclabili. In alcuni paesi, come il Messico, hanno incorporato la tecnologia D2W, che consente agli imballaggi di biodegradarsi quando non vengono smaltiti correttamente.
Negli ultimi anni la consapevolezza sociale riguardo alla produzione e all’accumulo di plastica è cresciuta in modo esponenziale. In Bimbo stiamo lavorando verso materiali più sostenibili e rispettosi dell'ambiente, riducendo la quantità di plastica utilizzata nella creazione degli imballaggi.
Abbiamo fissato un obiettivo globale: entro il 2025, tutti i nostri imballaggi saranno riciclabili, biodegradabili o compostabili.


Anche l'immagine dell'orso Bimbo è cambiata, così come il logo. Quando è stata l'ultima volta che è stato aggiornato e perché?
Fu nel 1945 che l'immagine dell'azienda emerse grazie al disegno di un orso su una cartolina di Natale, alla quale Anita Mata, moglie di Jaime Sendra, uno dei quattro fondatori dell'azienda, aggiunse i dettagli caratteristici dell'azienda. cappello, grembiule e pane sotto il braccio. Immagine che è stata modificata e adattata ai tempi nel corso di più di 57 anni.
Ha lasciato il suo aspetto da cartone animato e illustrato nel 2017 per unirsi al mondo 3D nel 2019. In questo modo è stato raggiunto un maggiore realismo e maggiori dettagli e ha continuato a essere l'affascinante orso che continua a portare gioia a generazioni. Il passaggio al mondo 3D ci ha permesso di definire meglio la personalità e le sue espressioni.


Nel 2018 La Bella Easo ha compiuto 50 anni. È cambiato molto dai suoi esordi?
Con più di 50 anni di storia, La Bella Easo è leader nel mercato della pasticceria tradizionale grazie alla qualità dei suoi prodotti e all'innovazione permanente per rispondere alle richieste dei consumatori.
Il marchio è diventato un punto di riferimento per la colazione in famiglia, comprendendo, tra gli altri prodotti, muffin, pane al latte, croissant e biscotti. Inoltre, si caratterizza per la continua innovazione nel miglioramento dei propri prodotti, incorporando, ad esempio, la gamma di zuccheri aggiunti allo 0% nel suo portafoglio.


Quali misure state attuando a favore di una produzione più sostenibile?
Cerchiamo di migliorare le nostre ricette aggiungendo ingredienti provenienti da verdure e piante che apportano elevati benefici nutrizionali, come le fibre. In questo modo cerchiamo di sostenere diete responsabili aumentando gli ingredienti di origine vegetale nelle formulazioni dei prodotti.
D’altro canto, sosteniamo un’economia circolare attraverso l’uso di imballaggi sostenibili e programmi di riduzione dello spreco alimentare al 50%, riduciamo l’uso di acqua in tutte le operazioni per garantirne la conservazione, riduciamo la dipendenza dai combustibili fossili e riduciamo le emissioni di CO2 in tutte le operazioni. Inoltre, promuoviamo un ambiente di lavoro diversificato, inclusivo e accessibile a tutti i dipendenti con disabilità.


Usano energia rinnovabile?
La nostra energia elettrica è di origine rinnovabile, attraverso contratti con i nostri fornitori e, inoltre, stiamo introducendo pannelli fotovoltaici sui nostri tetti per i nostri consumi. Attualmente sono già operativi negli stabilimenti di Puente Genil, Guadalajara, Medina e in Portogallo ad Albergaria e Sintra.
A livello globale, il Grupo Bimbo opera già con l’85% di energia rinnovabile proveniente dal sole e/o dal vento.


Nel 2021 Bimbo si è impegnata a raggiungere Zero Net Carbon Emissions entro il 2050 ed è stata recentemente riconosciuta dal Carbon Disclosure Project (CDP) con il punteggio più alto. Qual è la tua tabella di marcia per raggiungerlo?
Il nostro percorso verso l’azzeramento delle emissioni nette di carbonio è il seguente: entro il 2025, 100% emissioni Scope 2 e 12,5% emissioni Scope 3; nel 2030, 50% emissioni Scope 1 e 29% emissioni Scope 3; nel 2040 si raggiungerà il 100% delle emissioni
1 e 2.
Abbiamo definito 16 strategie per raggiungere gli obiettivi: mobilità, eliminazione dei combustibili fossili, refrigeranti, innovazione di nuove tecnologie, energia efficiente, energia rinnovabile, sistema di accumulo, installazioni elettriche, approvvigionamento sostenibile, agricoltura rigenerativa, zero rifiuti, collaboratori verso zero emissioni ( Ambito 3), mobilità in outsourcing a zero emissioni di carbonio (ambito 3), impronta di carbonio dei clienti, investimenti e miglioramento delle foreste.


Stai lavorando per realizzare un packaging più sostenibile?
Nell'ambito della strategia di sostenibilità dell'azienda, stiamo lavorando per ridurre le dimensioni degli involucri e la densità degli imballaggi. Inoltre, includiamo messaggi per informarvi sul tipo di imballaggio che stiamo utilizzando e dove e come può essere riciclato.


Quale percentuale di plastica riciclata utilizzano? È tutto riciclabile?
Uno degli esempi è il recente lancio del nuovo pane in fette Bimbo® 50/50, che oltre ad essere riciclabile al 100%, il 30% proviene da plastica riciclata, dall'economia circolare, presente non solo in questo prodotto ma anche in le borse Bimbo Familiar, Large e Crustless.
D'altro canto, la confezione dei Donuts è composta per l'80% da PET riciclato, mentre i blister Donuts, Donettes e Penguins sono composti per l'80% da PET riciclato.


Se l’obiettivo è ridurre la quantità di plastica, perché i muffin vengono confezionati singolarmente?
Bimbo lavora per offrire i migliori alimenti, promuovendo un consumo responsabile, scommettendo sulla riduzione e sul controllo delle porzioni. Con l'imballaggio individuale garantiamo anche la sicurezza alimentare e la qualità di ciascuno dei nostri prodotti, così essenziale per i nostri consumatori.


Che cos'è il Programma Buon Vicino?
Nel nostro impegno verso il pianeta e le persone, abbiamo creato il Programma Good Neighbour per contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone che vivono o lavorano nei nostri luoghi di lavoro.
Nel 2022 aumentiamo la percentuale di investimento del 33% rispetto all’anno precedente. In totale sono state presentate 35 iniziative, di cui oltre il 50% ha impatto sulle istituzioni sociali; Oltre il 25% si concentra sul sostegno ai bambini e oltre il 20% sulle persone con disabilità.


Quali sono gli obiettivi della Global Energy Race? State portando avanti altre iniziative simili?
Uno degli obiettivi principali della Bimbo Global Race è promuovere lo sport e le sane abitudini. Questo 2022 in Spagna abbiamo visto la partecipazione di oltre 18.000 persone in un formato ibrido (di persona e virtuale), che ci ha permesso di donare più di 300.000 fette di pane ai banchi alimentari di Madrid, Barcellona, ​​Valencia e Siviglia.


Avete qualche lancio in programma in questa prima metà dell'anno?
In linea con la strategia di sostenibilità dell'azienda, abbiamo appena lanciato Bimbo® Pane a Fette 50/50, un prodotto realizzato con il 50% di farina di grano bianco e il 50% di farina integrale, che ha l'obiettivo di rendere i prodotti integrali o semi-integrali entrando sempre più nelle case spagnole, incorporando il meglio di entrambi i mondi: l'organolessia e la morbidezza del pane bianco con i benefici nutrizionali del pane integrale. Inoltre, questo lancio porta un'altra novità e cioè che, oltre ad avere un imballaggio più sostenibile come abbiamo accennato, abbiamo incorporato per la prima volta il codice Navilens, un codice QR, simile ai codici standard, che consente alle persone con disabilità visive, oppure Gli ipovedenti possono individuare con il cellulare il prodotto sugli scaffali del supermercato e ampliarne le informazioni nutrizionali.

Potresti essere interessato a continuare a leggere ...

Louis Roederer vince nuovamente il Robert Parker Green Emblem Award

Dal 2021, il Robert Parker Green Emblem viene assegnato alle aziende vinicole che dimostrano un impegno eccezionale a favore della viticoltura sostenibile e della protezione a lungo termine dell'ambiente e della biodiversità...

José Francisco Hernández Perona, Direttore Generale e Finanziario di Juver Alimentación SLU

"Una delle nostre priorità è avere un'industria eco-efficiente" Juver è un'azienda murciana dedicata alla produzione, produzione, distribuzione, trasporto, stoccaggio e commercializzazione...

Carmen Guembe, Direttore Comunicazione Esterna, Sostenibilità e Affari Pubblici Suntory Beverage...

"Abbiamo un fermo impegno per la sostenibilità" SBFS, filiale europea del gruppo giapponese Suntory, produce, commercializza e distribuisce marchi leader nel nostro paese come: Schweppes®, La Casera®...

Isabel Goyena, Responsabile del progetto ENVALORA

«Envalora nasce per fornire una risposta collettiva ai nuovi obblighi di legge» Il 28 dicembre 2022 è entrato in vigore il nuovo Regio Decreto 1055/2022 sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, che...

GiuliaPivetta, Responsabile Vendite Spagna e Portogallo, Vetroelite

Jared O'Connell, Direttore generale di Honeywell Advanced Materials per gli imballaggi sanitari

"L'utilizzo di blister termoformati Aclar può ridurre le dimensioni della confezione e dell'imballaggio secondario in media del 50%" Direttore generale del settore Imballaggi sanitari presso Honeywell Advanced Materia...
Traduci »